Home News Finanza Economia Italiana a crescita zero nel 2019, secondo la FMI

Economia Italiana a crescita zero nel 2019, secondo la FMI

global_economic_outlook_2019

Secondo il FMI, l’Italia è l’ultima della fila tra i Paesi della UE: sullʼeconomia del nostro paese riscontriamo un indebolimento della domanda interna, della crescita fiscale, dellʼambiente esterno e una crescita nel debito.

Il Fondo Monetario Internazionale, secondo il World Economic Outlook, ha fissato a zero l’andamento del PIL in Italia durante il 2019. Si tratterebbe di un taglio dello 0,1% rispetto alla già bassa previsione che era stata effettuata a Luglio.

Se nel 2019 parliamo di uno 0.1%, la situazione non sembra migliorare invece per il 2020. L’economia Italiana dovrebbe vedere un taglio alle previsioni di crescita dello 0,3%, con un PIL in crescita, sempre secondo le previsioni, dello 0,5%.

fondo_monetario

A detta del Fondo Monetario, alla base di questi dati ci sono diverse ragioni, tra cui l’andamento dei consumi dei privati, uno stimolo fiscale in discesa e uno scenario estero più debole.

​Ancor più devastante sembra essere l’andamento dei conti pubblici e del debito: il deficit del 2019 dovrebbe stabilizzarsi al 2,0% del PIL, per poi risalire il prossimo anno al 2,5% e al 2,6% nel 2021. Dal report emerge una crescita parallela del rapporto debito/pil che dovrebbe fermarsi al 132,2%, per poi salire al 133,7% nel 2020 e raggiungere un massimo del 134% nel 2021.

Se l’Italia ha problemi, il resto del mondo non gioisce di certo

Mentre l’Italia si rallenta e il debito previsto è in aumento, anche internazionalmente, gli altri paesi avvertono un momento di debolezza. Un momento di debolezza comune dove la crescita globale scende anche essa al +3%, ritornando a dei livelli più bassi persino del 2008-2009 dopo la famosa crisi dei subprime, con una sforbiciata dello 0,3% rispetto al World Economic Outlook di Aprile 2019. In calo e debole resta la crescita del Pil dell’Eurozona, che passa al +1,2% dal precedente +1,3%.